Cybersecurity Attacco Hacker Verona Dati Sanitari

Attacco hacker all’AOUI di Verona: dati sanitari di oltre 1 milione di pazienti a rischio

I dati aziendali sono una risorsa preziosa che può essere utilizzata per scopi illegali, come il furto di identità, la frode o il ricatto. Per questo motivo, è fondamentale proteggere i propri dati aziendali.
I dati aziendali sono una risorsa preziosa che può essere utilizzata per scopi illegali, come il furto di identità, la frode o il ricatto. Per questo motivo, è fondamentale proteggere i propri dati aziendali.

Lo scorso 23 ottobre l’Azienda Ospedaliera universitaria di Verona (AOUI) è stata vittima di un attacco informatico che ha causato l’interruzione dei servizi online, delle linee telefoniche e delle procedure di prenotazioni CUP. Il gruppo criminale Rhysida ha rivendicato l’attacco e ha annunciato che, tra sei giorni, metterà in vendita i dati sanitari rubati per 10 Bitcoin.

L’attacco è avvenuto la sera del 22 ottobre, intorno alle 22:30. I criminali hanno utilizzato un ransomware, un tipo di malware che cripta i dati del sistema informatico e richiede un riscatto per decriptarli. L’AOUI ha subito attivato la procedura di emergenza, che ha consentito di limitare i danni e ripristinare gradualmente la funzionalità dei sistemi.

Le conseguenze

L’attacco ha avuto un impatto significativo sull’AOUI e sulla sanità veneta. I servizi online dell’ospedale sono stati interrotti per diversi giorni, rendendo difficile per i pazienti prenotare visite o consultare i propri dati sanitari. Le linee telefoniche sono state sovraccariche, rendendo difficile per i pazienti contattare l’ospedale. Le procedure di prenotazioni CUP sono state sospese, costringendo i pazienti a rivolgersi all’ospedale solo per le urgenze.

La rivendicazione di Rhysida

Il gruppo criminale Rhysida ha rivendicato l’attacco il 10 novembre 2023, pubblicando un messaggio sul proprio sito web. I criminali hanno dichiarato di aver rubato dati sanitari di oltre 1 milione di pazienti, tra cui nomi, indirizzi, numeri di telefono, dati clinici e informazioni sensibili come test genetici e risultati di screening.

I criminali hanno fissato un ultimatum di sei giorni per il pagamento del riscatto. In caso di mancato pagamento, i dati sanitari saranno messi in vendita sul dark web.

Le implicazioni

L’attacco all’AOUI di Verona è un altro segnale dell’aumento della minaccia cyber per le aziende e le organizzazioni sanitarie. Gli ospedali sono particolarmente vulnerabili agli attacchi informatici, in quanto gestiscono dati sensibili dei pazienti.

L’attacco ha avuto un impatto significativo sull’AOUI e sulla sanità veneta. L’Azienda Ospedaliera sta valutando le azioni legali da intraprendere contro i criminali.

L’importanza della sicurezza informatica per le aziende

L’attacco all’AOUI di Verona è un altro segnale dell’aumento della minaccia cyber per le aziende. Gli hacker sono sempre più sofisticati e possono colpire qualsiasi tipo di azienda, indipendentemente dalle sue dimensioni o dal settore di attività.

I dati aziendali sono una risorsa preziosa che può essere utilizzata per scopi illegali, come il furto di identità, la frode o il ricatto. Per questo motivo, è fondamentale proteggere i propri dati aziendali adottando misure di sicurezza adeguate.

Ecco alcuni consigli per proteggere i propri dati aziendali:

  • Formare i dipendenti sulle pratiche di sicurezza informatica. I dipendenti sono spesso la prima linea di difesa contro gli attacchi informatici. È importante che siano consapevoli delle minacce cyber e delle misure di sicurezza da adottare per proteggersi.
  • Attuare misure di sicurezza per proteggere i dati sensibili. I dati sensibili, come i dati finanziari, i dati personali dei dipendenti e i dati di proprietà intellettuale, devono essere protetti in modo particolare. È importante utilizzare tecnologie di sicurezza adeguate, come la crittografia e l’autenticazione a due fattori.
  • Eseguire regolarmente backup dei dati. In caso di attacco informatico, i backup possono essere utilizzati per ripristinare i dati persi o compromessi. È importante eseguire i backup in modo regolare e conservarli in un luogo sicuro.
  • Avere un piano di risposta agli incidenti informatici. È importante avere un piano di risposta agli incidenti informatici che delinei le azioni da intraprendere in caso di attacco. Il piano dovrebbe includere misure per mitigare l’impatto dell’attacco, recuperare i dati persi o compromessi e prevenire futuri attacchi.

Adottando queste misure, le aziende possono ridurre il rischio di essere colpite da attacchi informatici e proteggere i propri dati aziendali.

Valentina Motta
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Sit amet nisl suscipit adipiscing. Dictumst vestibulum rhoncus est pellentesque elit ullamcorper dignissim. Viverra adipiscing at in tellus integer feugiat. Ac odio tempor orc.